La provincia di La Rioja (pronuncia spagnola: la rjoxa) è una delle province dell’Argentina e si trova nella parte occidentale del paese. Le province confinanti sono (da nord in senso orario): Catamarca, Córdoba, San Luis e San Juan.

Storia
Nei Petroglifi (chiamati anche incisioni rupestri) creati dai primi popoli indigeni nel Parco Nazionale Talampaya sono datati circa 10.000 anni aC si raccontano i primi segni di vita e cultura dei popoli indigeni sviluppate proprio in queste zone. Le tribù dei Diaguita, Capayan e le Olongasta furono popoli che abitarono il territorio dell’attuale provincia di La Rioja, al momento dell’incontro con i colonizzatori spagnoli nel 16° secolo. Il colonizzatore Juan Ramírez de Velazco fondata Todos los Santos de la Nueva Rioja nel 1591 sotto il governo di Tucumán del Vicereame del Perù. Nel 1630 il popolo indigena chiamato Calchaquí si ribellò contro gli spagnoli, ma il governatore Albornoz li soppresse. Nel 1783, dopo la creazione del Vicereame del Río de la Plata , il controllo della provincia di 10.000 abitanti passati al Córdoba indipendenza.
La provincia ha acquisito l’indipendenza da Córdoba nel 1820. In seguito a tentativi da Bernardino Rivadavia , il primo presidente eletto in Argentina, per imporre una costituzione centralista, il caudillo Juan Facundo Quiroga è emerso come un leader popolare. Ha rappresentato la loro preferenza per una maggiore autonomia, per i quali hanno continuato a premere dopo 1835 l’assassinio di Quiroga. Dopo un periodo di instabilità interna in Argentina, la provincia finalmente unì alla Confederazione argentina nel 1853.
La Rioja attratto meno immigrati provenienti dall’Europa che hanno fatto altre province argentine dal 1890 al 1930. Alcuni siriani e libanesi immigrati si stabilirono nella provincia, tra i quali i più noti sono probabilmente la famiglia Menem. Venendo da quello che era stato l’ impero ottomano , Saul Menem e sua moglie erano di discendenza armena e alawita. Ha prosperato come un commesso viaggiatore e ha mandato il suo figlio primogenito, Carlos Menem , in Spagna per il college. Dopo che il giovane Menem fu eletto governatore della provincia di La Rioja marzo 1973, ha attuato una serie di riforme sostenuto dagli attivisti per i poveri, la maggioranza rurale, in particolare da quelli consigliati dal vescovo Enrique Angelelli.
Rimosso e imprigionata dopo la cacciata militare del presidente Isabel Perón marzo 1976 estromissione, Menem è stato tenuto in isolamento illegale fino alla fine del 1980. È stato torturato durante questo tempo. La dittatura persone represse della provincia ed è stato responsabile per il brutale omicidio nell’agosto del 1976 del vescovo Angelelli. Dopo che la democrazia è stata restaurata nel 1983, Menem è stato schiacciante rieletto alla carica. Ha perseguito politiche conservatrici, facendo leva clima secco e gradevole di La Rioja, la sua modesta scala salariale e qualificati forza lavoro, per attirare i primi importanti industrie leggere di La Rioja, in particolare di imbottigliamento e di trasformazione alimentare. Dopo aver presieduto una crescente economia di La Rioja, anche come la nazione sta languiva nel corso del 1980, Menem assicurato il peronista Giustizialista nomination del partito per la presidenza nel maggio 1988; in un risultato a sorpresa, ha sconfitto il governatore popolare Antonio Cafiero della Provincia di Buenos Aires. Eletto presidente dell’Argentina nel 1988, Menem servita fino al 1999. In quegli anni, ha diretto miliardi in pubblico federale opere spesa in La Rioja. Anche se la provincia rimane meno sviluppata rispetto alla media della nazione, la sua economia oggi il confronto con quelli dei suoi vicini.

Geografia e clima
Situato nel nord-ovest argentino territorio, il suo paesaggio è arido o semi-arido, e il clima secco riceve annualmente 200 millimetri di precipitazioni, ha brevi inverni ed estati molto calde. Dalle Ande ad ovest, con picchi fino a 6795 metri ( Monte Pissis ), altezza discese del rilievo verso la sierra del secco vicina Pampa zona. La maggior parte dei campi di La Rioja sono orientate in modo da nord a sud. Le province due più grandi città, La Rioja e Chilecito sono separati da Sierra de Velasco e ad ovest di Chilecito e Famatina sorge la Sierra de Famatina con altezze fino a 6.250mt. Il Parco Nazionale Talampaya è un secco canyon rosso-suolo dell’antica estinto fiume Talampaya, che contiene molti muri e formazioni rocciose che ne fanno una meta turistica interessante.

Economia
L’economia della provincia di La Rioja, stimato in 1,8 miliardi di dollari nel 2006, è il secondo più piccolo tra province dell’Argentina. La sua produzione pro capite di US$ 6.280, anche se circa il 30% inferiore alla media nazionale, la rende la più ben sviluppata nel nord dell’Argentina. La sua economia è, allo stesso modo, molto ben diversificato.
L’agricoltura (lungo limitato da asciutto, al rilievo di La Rioja) aggiunge meno del 5% della sua produzione. La posizione di La Rioja (così come le città) si trova sulle rive dei pochi fiumi permanenti e oasi che permettono l’irrigazione, con solo 190 chilometri quadrati di terra coltivata. Così l’agricoltura in espansione valorizza i suoi vigneti, le noci e le olive che sono le piantagioni più comuni seguite da quelle del cotone. La coltura principale della provincia è l’ uva , e la sua associata vino di produzione, specialmente intorno alla Chilecito zona, con una produzione di 8 milioni di litri l’anno.
L’allevamento bovino (250.000 capi) e caprino (150.000 capi) sono le attività secondarie, in particolare per la pelle ed il cuoio.
L’argilla rappresenta l’attività mineraria principale, e l’uranio viene estratto anche vicino a El Colorado. La produzione a La Rioja ha ampliato notevolmente da quando il governatore Menem ha iniziato attrarre investimenti nella provincia, dopo il 1983. Limita per lo più a industria leggera come l’imbottigliamento e trasformazione dei prodotti alimentari, è, tuttavia, aggiunge circa il 20% di produzione di La Rioja.
Il turismo è, allo stesso modo, un’attività in espansione. Oltre al Parco Nazionale Talampaya , i turisti in visita a La Rioja solito vanno anche alla città Chilecito, Cerro de la Cruz, Termas de Santa Teresita Hot Springs e il borgo di Villa Sanagasta. Il piano di sviluppo di La Rioja è stato progettato da Proyectos Innovadores per favorire un’ulteriore crescita economica in provincia. Recentemente, la provincia ha subito un ondata di immigrazione dall’Est Europa, Oriente o dell’Asia meridionale e del Medio Oriente.

Divisione Politica
La provincia è divisa in 18 dipartimenti ( spagnolo : departamentos): Arauco ( imogasta) / Capital (La Rioja) / Castro Barros (Aminga) / Chamical (Chamical) / Chilecito (Chilecito) / Coronel Felipe Varela (Villa Unión) / Famatina (Famatina) / General Ángel Vicente Peñaloza (Tama) / General Belgrano (Olta) / General Juan Facundo Quiroga (Malazán) / General Lamadrid (Villa Castelli) / General Ocampo (Milagro) / General San Martín (Ulapes) / Independencia (Patquía) / Rosario Vera Peñaloza (Chepes) / San Blas (San Blas) / Sanagasta (Sanagasta) / Vinchina (Vinchina).

In breve
Coordinate geografiche: 29,26°S – 66,51°W / Nazione: Argentina / Capitale: La Rioja / Numero Dipartimenti: 18 / Numero Comuni: 18 / Numero Deputati: 7 / Numero Senatori: 3 / Area Settore: 21° posto – Totale: 89.680 km 2 (34.630 km 2) / Totale Abitanti: 333.642 (21° posto) / Densità: 3,7-km 2 / Denomazione abitanti: riojano / Fuso Orario: ARTE (UTC-3) / Codice ISO 3166: AR-F.

Documenti associazione

Amministrazione

Clima Buenos Aires

24 aprile 2019, 00:31
Coperto
Coperto
17°C
Vento: 3 m/s SSE