Popolazione
La popolazione è in massima parte di origine europea (soprattutto di ascendenza italiana o spagnola). Ricordiamo che fino alla metà circa del XIX secolo la componente indigena, costituita da una decina di etnie amerindie principali, e meticcia, frutto dell’unione di queste con i conquistatori spagnoli, ebbe un peso demografico notevole anche se difficilmente quantificabile. Già con il primo censimento del 1869 tuttavia, si registrava nel paese la presenza di numerosi residenti stranieri, in grande maggioranza europei: su poco più di 1.830.000 abitanti i non nativi rappresentavano oltre il 12% della popolazione complessiva (210.000 circa fra cui ben 71.000 italiani).
Negli anni settanta dell’Ottocento iniziò una massiccia immigrazione proveniente dall’Europa che si protrasse fino alla vigilia del primo conflitto mondiale (1914). Si riattivò successivamente negli anni venti del Novecento, perdendo però vigore nel decennio successivo. L’ultima grande ondata immigratoria si registrò a partire dal 1945, protraendosi fino agli inizi degli anni sessanta del XX secolo. Fra il 1869 ed il 1971 sono complessivamente entrati in Argentina oltre 9.000.000 di immigrati, in grande maggioranza europei e fra questi quasi 3.500.000 di italiani (ma anche molti spagnoli, e, in minor numero, francesi, tedeschi, svizzeri, polacchi, inglesi, ecc.). Pur considerando l’immigrazione stagionale, importante soprattutto negli ultimi decenni dell’Ottocento e nei primi del Novecento, ed i numerosi rientri, questa cifra appare sbalorditiva. L’Argentina è senz’altro il paese al mondo che ha accolto più immigrati dopo gli Stati Uniti. Tenendo però conto della scarsa popolazione presente nel paese alla vigilia dello sviluppo del fenomeno immigratorio, si può senz’altro asserire che quest’ultimo ha assunto, per l’Argentina, un’importanza di gran lunga superiore a quella sperimentata dagli Stati Uniti.
Negli ultimi decenni l’immigrazione dall’Europa è cessata quasi del tutto, sostituita da quella procedente dai paesi limitrofi (Bolivia e Paraguay in particolare) localizzata in massima parte nelle Province settentrionali del paese. A partire dagli anni settanta del Novecento ha avuto inizio una consistente corrente di espatri dall’Argentina, diretta principalmente verso l’Europa e gli Stati Uniti, e costituita in massima parte da tecnici e professionisti.
Religioni
La religione ufficiale è quella cattolica apostolica romana (92%). Tuttavia, gli ultimi decenni hanno visto un significativo incremento di fedeli di chiese evangeliche libere e protestanti tradizionali (2% circa) (battisti, metodisti…). Per la prima volta nella storia un paese extraeuropeo come l’Argentina ha avuto la gloria e la responsabilità di dare al mondo un Papa che ha preso il nome di Papa Francesco, un Papa che vuole la chiesa povera e a servizio dei poveri, un Papa che ha preso a modello San Francesco il santo della povertà e della Pace. Papa Francesco ha sopreso tutti sia per l’elezione che per il suo modo semplice di comunicare tanto amato dalla gente.
Lingue
La lingua ufficiale dell’Argentina è lo spagnolo, chiamato solitamente “castellano” dagli argentini. Rispetto alla lingua parlata in Spagna, tuttavia, vi sono alcune differenze a livello fonetico e morfologico.
Gli argentini sono la più grande popolazione di lingua spagnola che usa diffusamente quello che è noto come voseo (l’uso del pronome di seconda persona plurale vos al posto del tu, che causa anche l’uso di differenti forme verbali). Il dialetto più comune è il rioplatense, i cui parlanti sono localizzati principalmente nel bacino del Rio de la Plata.
Secondo uno studio di Ethnologue, l’italiano è parlato da circa 1.500.000 persone (che lo rendono la seconda lingua più parlata in Argentina) e l’arabo – a causa di una sensibile emigrazione dall’attuale Siria, Libano e Giordania, sviluppatasi all’inizio del XX secolo – da circa 1.000.000 di persone. Il tedesco standard è parlato da 400.000 e forse 500.000 argentini di ascendenza tedesca, sebbene sia stato affermato anche che ci potrebbero essere addirittura 1.800.000 parlanti.
pag1

Documenti associazione

Amministrazione

Clima Buenos Aires

24 giugno 2019, 07:02
Parzialmente Coperto
Parzialmente Coperto
17°C
Vento: 2 m/s SSO